Biomorfismo

In pittura e scultura le forme o le immagini biomorfiche sono quelle che, pur essendo astratte, si riferiscono, o evocano, forme viventi come le piante, gli animali e il corpo umano.

Il termine deriva dalla combinazione della parola greca bios, che significa vita, e morphe, che significa forma.

Il modello può essere il corpo umano (antropomorfismo), il mondo animale (zoomorfismo), il mondo vegetale (fitomorfismo).

Il biomorfismo è un termine derivato dal concetto classico di forme create dal potere della natura, applicato all’utilizzo di forme organiche nell’arte del XX secolo, in particolare all’interno del Surrealismo.

Il primo a utilizzare il termine in questo senso fu Alfred H. Barr jr. nel 1936.

La tendenza a prediligere le forme vaghe e organiche in apparente movimento, con un accenno alle forme indefinite e approssimativamente sferiche di germi, amebe ed embrioni, può essere fatta risalire al gusto per il vegetale dell’Art Nouveau alla fine del XIX secolo.

 

 

 

Filtri

Visualizzazione di 1-12 di 15 risultati

Visualizzazione di 1-12 di 15 risultati